Linee guida del Garante Privacy contro lo spam

Provvedimento-Anti-SpamNo a offerte indesiderate, e-mail e sms non richiesti, maggiori controlli da parte di chi commissiona le campagne promozionali; via libera, invece, a pratiche commerciali “user-friendly”, gradite da consumatori e utenti: queste le linee guida del garante privacy anti-spam varate nel luglio 2013.

Linee guida in materia di attività promozionale e contrasto allo spam” [doc. web n. 2542348], questo il nome delle linee varate dal Garante al fine di combattere il marketing selvaggio e favorire pratiche commerciali “amiche” di utenti e consumatori. Il tentativo di tale provvedimento è quello di delineare un quadro completo di accorgimenti utili per tutte quelle imprese che vogliono intraprendere campagne pubblicitarie per i propri prodotti e servizi, ma – allo stesso tempo – le linee guida possono tornare utili anche agli utenti che non vogliono essere tempestati di pubblicità senza il loro consenso.

Un’attenzione tutta particolare, c’era da immaginarselo, è rivolta alla forma più recente di spamming, ovvero quello diffuso sui social network: parliamo del cosiddetto social spam che spesso comporta modalità sempre più invasive di marketing. Nel caso dei social, infatti, il consenso è considerato tale quando si incomincia a seguire l’Azienda in questione, diventandone fan o follower: il consenso così prestato è considerato informato e volontario e la sottoscrizione consiste, appunto, nel cliccare su “Mi piace” o su “Follow“. In questo caso, quindi, l’azienda può legittimamente inviare pubblicità sul nostro account social fino a quando non viene espressamente revocata l’autorizzazione tramite cancellazione dal proprio profilo del brand aziendale o espresso diniego.

Ecco un sommario delle principali linee guida incluse nel provvedimento generale.
Offerte commerciali e spam

  • Invio di offerte commerciali solo con il consenso preventivo. Tale consenso deve essere specifico, libero, informato e documentato per iscritto.
  • Controlli su chi realizza campagne di marketing.
  • Consenso per l’uso dei dati presenti su Internet e social network.

Semplificazioni per le Aziende in regola

  • Sì al “soft spam”, ovvero all’invio di messaggi promozionali, tramite e-mail, ai propri clienti su beni o servizi analoghi a quelli già acquistati.
  • Sì a promozioni per fan di marchi e Aziende.
  • Consenso unico valido per diverse attività di marketing.

Tutele e sanzioni contro lo spam

  • Per gli utenti: Le persone che ricevono spam possono presentare segnalazioni, reclami o ricorsi al Garante e comunque esercitare tutti i diritti previsti dal Codice privacy, inclusa la richiesta di sanzioni contro chi invia messaggi indesiderati
  • Per le società: Le “persone giuridiche”, pur non potendo più chiedere l’intervento formale del Garante per la privacy, possono comunque comunicare eventuali violazioni. Hanno invece la possibilità di rivolgersi all’Autorità giudiziaria per azioni civili o penali contro gli spammer.
Questa voce è stata pubblicata in Web marketing. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>