Mobile commerce tra verità e luoghi comuni

mobile-commerceLe ragioni per investire nel campo del commercio elettronico via mobile sono tante, perché l’adozione degli smartphone ha ancora tassi di crescita notevoli. Nel Regno Unito due adulti su tre hanno uno smartphone e lo controllano a una media di più di 150 volte al giorno. Per due terzi di loro, ha da poco rilevato uno studio della società di consulenza McKinsey, il mobile ha cambiato in maniera significativa il modo in cui fanno acquisti, con più di un terzo di loro che ha già ridotto la frequenza delle visite ai negozi tradizionali.

I retailer che si stanno precipitando a investire nelle app e in altri strumenti sofisticati dovrebbero però fermarsi a riflettere circa le reali esigenze dei clienti e di conseguenza fornire un’esperienza di acquisto veloce, semplice e godibile. Molto meglio investire su siti puliti, ottimizzati per il mobile, con pagine semplici da leggere che si caricano velocemente, carrelli facili da usare e procedure di pagamento che filino il più liscio possibile.

La stessa McKinsey, dopo aver sentito una sfilza di opinioni nei consigli di amministrazione delle aziende che segue, ha deciso di elencare alcuni miti da sfatare.

Primo tra tutti, il giusto uso delle applicazioni mobile. Molti retailer credono che un’applicazione per smartphone o tablet li aiuterà ad attrarre nuovi clienti e stare al centro delle loro attenzioni. Ma la ricerca di McKinsey dice che il doppio dei consumatori usa i siti mobile piuttosto che le app, con solo l’11 per cento che nota una qualche considerevole differenza tra le due piattaforme. Le app sembrano funzionare meglio per coinvolgere i clienti più fedeli piuttosto che attrarne di nuovi. Inoltre, dato che le app per fare shopping proliferano, rischiano di essere ignorate o dimenticate. Meno del 30% dei “mobile shopper” ha più di due app per gli acquisti e solo il 7% ne ha più di cinque. E metà di quelli che hanno installato un’app ha smesso di usarla completamente, sia per ottenere contenuto sia per sfogliare i prodotti o cercare offerte, se non facevano acquisti regolari.

Quindi: per i venditori che cercano una crescita di traffico e vendite, la prima priorità è quella di creare un sito responsive semplice da usare. Dopodiché, un’app può avere senso se aggiunge comparazioni di prezzi non contestabili, un carrello facilmente accessibile, con una lista della spesa base salvabile e la traccia delle spedizioni. Anche per queste caratteristiche le app vanno particolarmente bene per le insegne di supermercati.

Da non sottovalutare la fruibilità del sito mobile. Per la maggior parte delle persone sentite nella ricerca, la funzionalità base è più importante dell’originalità o dei lustrini. La velocità di caricamento, per esempio è più importante di circa il 60% rispetto alla presenza di video. Le tre caratteristiche indicate come prioritarie sono un checkout senza traumi (smooth), la maneggevolezza nell’aggiungere e togliere oggetti dal carrello e una buona navigazione sul sito, che è il grande cruccio di chi va usa internet mobile. Un sito scomodo ha invece tutte le carte in regola per far scappare i clienti prima che finalizzino l’acquisto e per non farli ritornare.

Infine l’importanza dell’assistenza: i consumatori danno moltissima importanza alla presenza di altro personale che, con strumenti digitali, li assista a trovare prodotti, spiegarne le caratteristiche e a ordinare quelli che non sono in negozio. Quindi c’è spazio e necessità di personale. Purché, ovviamente, sia motivato, formato e ben equipaggiato.

Questa voce è stata pubblicata in Mobile marketing. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>