3 modi per differenziare il proprio e-commerce dalla concorrenza

Uno dei motivi per cui il settore dell’ecommerce è in continua espansione dipende dal fatto che il commercio elettronico permette di ridurre sensibilmente le spese rispetto a uno store tradizionale.
Il risparmi maggiori derivano dalla riduzione del personale necessario per gestire l’attività e ovviamente anche delle spese di gestione locali, come affitti, utenze ecc…
Ecco allora che ogni giorno nascono nuovi e-commerce che si trovano però a dover competere con una concorrenza sempre più numerosa. Concorrenza che spesso tratta gli stessi prodotti e servizi.

Uno dei rischi maggiori degli store online è infatti proprio cadere in un  processo di omologazione e di non riuscire a differenziarsi rispetto alla massa.
Lo scopo di chi gestisce un’attività commerciale è fornire un plus che motivi l’acquirente a scegliere  quell’e-commerce e non un altro.

Come fare? Ecco 3 strategie per diversificare il proprio business online.

1 – Individuare la propria “nicchia”
Negli ultimi anni il modo di fare marketing è notevolmente cambiato, adattandosi a tutte le potenzialità offerte dal web. Con l’inbound marketing il concetto di target è stato superato: ora non ci si rivolge più a una fascia di persone, ma al singolo. Si intercettano le sue esigenze e gli si offre la soluzione, ovvero il prodotto di cui ha bisogno.

Per fare tutto questo è necessario però conoscere i potenziali clienti del proprio business e rivolgersi a loro. Meglio ancora se una nicchia. Puntare a un segmento specifico è il primo modo per distinguersi dalla massa. Facciamo un esempio. Se si vendono orologi in materiale ecosostenibile, il punto di forza del business è proprio l’ecosostenibilità. Bisognerà quindi intercettare quella nicchia di clienti sensibili al tema e quindi interessati all’acquisto di un orologio che rispetti i valori in cui credono.

2 – Ottimizzare i flussi di cassa
Un errore comune per chi gestisce un e-commerce è investire troppo sull’acquisto della merce e rischiare così di accumulare prodotti invenduti. In questo modo le spese di gestione e di magazzino aumentano, incidendo negativamente sul fatturato.

Una soluzione per differenziarsi dalla concorrenza ed evitare di incorrere in questo problema è affidarsi al dropshipping, ovvero vendere un prodotto a un cliente, senza possederlo materialmente in magazzino. In questo caso l’e-commerce gestisce l’ordine, facendo recapitare l’articolo acquistato direttamente al cliente finale. E non vede mai il prodotto, che di fatto si trova nel magazzino di fornitori esterni.

3 – Investire in operazioni di branding
Differenziarsi dai competitor significa investire sulla percezione del proprio brand. Per chi gestisce un e-commerce vuol dire soprattutto essere attivi sui social media. Bisogna essere presenti sui principali social network, farsi conoscere, interagire con gli utenti e creare una comunicazione personale, che renda unico e univoco il proprio brand.

Questa voce è stata pubblicata in E-commerce. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>