Spedizioni online: 4 consigli per le PMI

spedizioni onlinePer gli acquirenti online alcune priorità sono fondamentali e gli e-commerce che non sono in grado di soddisfarle, facilmente perderanno un cliente. Un elemento cruciale per chi compra online è la spedizione: per molti, infatti, non c’è nulla di peggio di un pacco arrivato in ritardo. Inoltre un altro elemento determinante sono le spedizioni gratis.
Quando i costi di spedizione sono troppo elevati, molti utenti preferiscono abbandonare il proprio carrello e non terminare l’acquisto.

Insomma, per le aziende di ecommerce, soprattutto per quelle appartenenti alle piccole e medie imprese, soddisfare al meglio le esigenze dei propri clienti è fondamentale per fronteggiare la concorrenza dei grandi colossi del settore. Ma come fare? Ecco qualche consiglio utile per gestire le spedizioni online:

1. Concentrarsi sulla qualità del servizio

I clienti devono essere informati sullo stato del loro ordine, in modo da poter monitorare ogni fase del loro acquisto. Gli ecommerce devono quindi tenere traccia della merce, dalla spedizione sino al recapito degli articoli, rimanendo a disposizione del cliente in qualsiasi momento, anche per eventuali richieste post consegna.

2. Offrire diverse opzioni di consegna

Visto che le spedizioni sono un elemento così cruciale per chi compra online, un approccio che le PMI possono adottare è offrire la spedizione gratuita per gli ordini al di sopra di un valore minimo.Oppure proporre, con un piccolo costo aggiuntivo, l’opzione di spedizione rapida. Esattamente come fanno i grandi marketplace.
Ci sono anche altri modi per soddisfare le esigenze del cliente che acquista online. Si può ad esempio dare la possibilità ai clienti di selezionare una specifica data di consegna, meglio ancora se si mantiene la spedizione gratuita.

2. Pianificare in anticipo le consegne

Parliamo soprattutto di periodi prefestivi quando la maggior parte degli acquirenti ha bisogno che la merce arrivi entro date precise.Gli ecommerce dovrebbero avere un piano per gli ordini urgenti e definire in anticipo i periodi di offerta e le date di consegna stimate.

4. Concentrati su oggetti unici o difficili da trovare

Secondo uno studio effettuato nel 2017 dalla UPS Pulse Online Shopper Study, il 56% degli acquirenti online si rivolge a un piccolo rivenditore ecommerce per acquistare prodotti specifici che difficilmente troverebbe altrove.
In questo caso i clienti potrebbero essere disposti a pagare anche la spedizione: per loro la priorità è trovare quel preciso articolo, non tanto il prezzo conveniente. Ecco quindi perché investire su prodotti unici può essere una strategia vincente per le piccole e medie imprese che vogliono vendere online.

 

Questa voce è stata pubblicata in E-commerce. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>