Aumentare-Visite-SitoCome generare traffico diretto al tuo sito web? I social non sono l’unico strumento a disposizione e, soprattutto, quando non si integrano in un organico planning di strategie web marketing, sono destinati a una vita piuttosto breve ed effimera. Spesso si pensa che i social siano oggi i migliori strumenti per viralizzare un messaggio e raccogliere nuovi utenti: ma cosa c’era nell’era ante-Facebook e ante-Twitter? In qualche modo, anche allora si elaboravano sistemi per portare traffico al proprio sito.

E soprattutto, come ci si deve comportare quando il proprio target demografico non usa i social? Un caso molto interessante è rappresentato dal sito Moshi Monster, dedicato ai bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni: troppo piccoli per avere un profilo Facebook, Twitter, Pinterest o su qualsiasi altro social network. Eppure questo sito fondato da Acton Smith ha raggiunto, nell’arco di un anno, 60 milioni di viste.

Ma come avrà fatto? Ecco i cinque segreti che Acton Smith ha deciso di condividere con tutti coloro che vogliano aumentare le visite al proprio sito.

1. Creare un proprio Social: non ha Facebook, non ha Twitter, ma ciò non significa affatto che il sito di Smith non sia “social”. In realtà quello di Moshi Monster è un social network per bambini: all’interno del sito, è possibile inviare messaggi (monitorati) agli amici, condividere link alle pagine del proprio mostro, o adottare e giocare col proprio animaletto. Se non puoi utilizzare social esterni, trova un modo per coinvolgere e far socializzare fra loro i tuoi utenti senza che lascino il tuo dominio e, soprattutto, crea un social studiato appositamente sul tuo target.

2. Incoraggia gli utenti a condividere offline: Moshi Monsters dà ad ogni bambino un simplice URL e un nome utente molto facile da ricordare, in modo che possa condividerlo quando ne parla offline.

3. Tieni in considerazione le app mobile: anche chi non ha un profilo su un social network, può possedere e saper usare il proprio smartphone. Molti adulti pensano che i bambini non scaricherebbero mai un’applicazione, e ciò è assolutamente falso: quando un bimbo raggiunge i 7-9 anni di età, smartphone e tablet diventano i giocattoli più desiderati.

4. Usa prodotti offline per portare traffico a quelli online: Acton Smith ha lanciato molti di prodotti offline legati a Moshi Monsters: CD musicali, torte di compleanno, carte da gioco. Ha 100 prodotti in licenza dai quali ricava delle royalty fra il 5% e il 20%.

5. Crea qualcosa che la gente possa amare: “Non c’è un meccanismo più virale di fare qualcosa che la gente possa amare”, conclude Michael.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta in contatto con me. Ogni settimana invio newsletter relative al mondo Amazon, Alibaba e Marketplace in generale. Ma non solo, parlo anche di LinkedIn e di Social Selling.

Complimenti per esserti iscritto/a alla newsletter!

Pin It on Pinterest