Quando parliamo di e-commerce dobbiamo considerarne il significato in senso lato, non solo quindi come commercio elettronico ma come acquisto digitale: oggi ci sono in Italia circa trenta milioni di persone – metà della popolazione – che si informano online prima di acquistare online. La metà di loro – circa 16 milioni acquistano online e 3/4 di questi ultimi si servono frequentemente della rete per effettuare i propri acquisti (circa tre prodotti al mese).

Ritardo-Ecommerce-ItaliaL’e-commerce B2C in Italia vale 16 miliardi e 600 milioni di euro – dato in crescita rispetto al 2014 di circa il 16%. Negli ultimi anni, infatti, abbiamo osservato l’ingresso online da parte di tantissimi operatori in differenti settori merceologici: ingressi nel mondo dell’abbigliamento, del fashion, del food, del fai da te, nell’arredamento e così via; tutti settori che – fino a qualche tempo fa – erano scoperti dal punto di vista della presenza online. Tuttavia la penetrazione del commercio elettronico nel nostro Paese è ancora limitata.

Klaus Schaedle – Amministratore delegato GLS Italia – sostiene che l’e-commerce italiano è ancora in via di sviluppo ed è parecchio lontano dagli obiettivi raggiunti dal mercato e-commerce europeo; se ci confrontiamo con i principali mercati europei, infatti, la penetrazione italiana è molto più bassa rispetto a quella degli altri paesi: per esempio nel Regno Unito – che è il mercato più evoluto da questo punto di vista – il tasso di penetrazione dell’e-commerce è del 17% contro il 4% in Italia.

Roberto Liscia sostiene che pià che di e-commerce si debba parlare di Net Retail: il negozio è diventato un’estensione del comportamento digitale dell’offerente e dell’acquirente; secondo le ricerche Netcomm, infatti, dei 19 milioni di consumatori che hanno lo smartphone, circa 13 milioni guardano la merce online e poi si recano nei negozi fisici per vedere se i prodotti fanno davvero al caso loro e viceversa, di questi 19 mln, ben 8 milioni – mentre sono in negozio – si informano online e addirittura fanno l’acquisto online; quindi la frattura che c’è tra il negozio e il digitale deve essere ripensata in un modello non soltanto d’acquisto ma anche di servizio, di vendita e di integrazione tra i due canali che deve andare nella direzione che il cliente si aspetta. Il più grande valore, da parte dell’acquirente, può infatti essere trovato nell’utilizzo congiunto del negozio fisico e del canale online; ignorare l’e-commerce è una strategia controproducente per tutti gli operatori di qualsiasi settore merceologico: anche gli operatori tradizionali dovrebbero iniziare a considerare il digitale come una reale opportunità di crescita per il loro business complessivo e non come una minaccia, invece, per il proprio negozio.

La nostra distanza, sia in termini di vendite che in termini di acquisto, è abissale: secondo l’esperienza riportata da Schaedle, l’Italia è indietro di circa cinque anni rispetto agli altri mercati europei attivi nell’e-commerce. La carenza di offerta digitale nel nostro paese si rispecchia anche nei dati: il numero di consumatori che in Europa comprano al di fuori del proprio paese d’appartenenza, il 30% comprano in Germania, il 20% comprano in Inghilterra, il 15% in Francia, mentre solo il 4% dei consumatori esteri comprano in Italia.
L’unica cosa certa è che il consumatore italiano sta evolvendo più velocemente delle imprese perché si sta abituando ad avere un approcio digitale all’acquisto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta in contatto con me. Ogni settimana invio newsletter relative al mondo Amazon, Alibaba e Marketplace in generale. Ma non solo, parlo anche di LinkedIn e di Social Selling.

Complimenti per esserti iscritto/a alla newsletter!

Pin It on Pinterest