Secondo una ricerca svolta da iVend Retail e Red Shift molti consumatori pensano che acquistare nei negozi tradizionali sia un’esperienza più deludente e demotivante rispetto allo shopping online.

L’indagine ha coinvolto Germania, Italia, Francia, Spagna e Regno Unito e i risultati sono ovunque simili. Ad esempio in Italia e in Inghilterra il 60% degli intervistati ritiene che gli acquisti tramite e-commerce siano più semplici rispetto a quelli in negozio, dove il 22% dei consumatori si sente persino abbandonato dai commessi.

Il punto di forza degli e-commerce sembrerebbe essere soprattutto la possibilità di personalizzazione, caratteristica che 1 consumatore su 5 vorrebbe anche nei negozi tradizionali.
Gli store online propongono, infatti, promozioni pensate per il singolo consumatore, in base alle esperienze di consumo. I negozi offline, invece, offrono coupon e offerte generiche che non raggiungono mai il grado di personalizzazione proposto da quelli online.
Non è quindi un caso se il 30% degli intervistati dalla ricerca vorrebbe avere sconti personalizzati in base ai propri precedenti acquisti anche nei negozi tradizionali.
Inoltre il rifornimento degli e-commerce è spesso più ampio di quello dei negozi fisici. Chi compra online trova facilmente ciò che sta cercando, cosa che spesso non accade offline. E le transazioni sono più rapide: niente coda alle casse e pochi click per portare a termine un acquisto, spesso direttamente da smartphone.
Il 51% dei utenti italiani del campione esaminato ritiene, infatti, che il livello di servizio online sia più elevato di quello offline.

I consumatori intervistati apprezzano le strategie di vendita multicanale garantite dagli e-commerce che consentono quindi di acquistare tramite dispositivi mobile, app, computer, siti dedicati o market place.
Gli store online non offrono le stesse alternative e anche per questo, dai dati della ricerca iVend e Red Shift, emerge che il 41% degli italiani vorrebbe ricevere punti fedeltà sul proprio mobile per poi decidere dove utilizzarli.
Un altro dato che penalizza i negozi tradizionali è di carattere economico: secondo il 60% degli italiani intervistati i prodotti acquistati tramite i e-commerce sono più convenienti di quelli presi offline.

Un ultimo dato afferma infine che il 68% degli utenti presi in esame dalla ricerca, prima di recarsi in negozio, consulta il sito web dello store. Si tratta quindi persone avvezze all’uso del digitale e infatti le soluzione da loro proposte (ad esempio l’uso di tablet da parte dei commessi per facilitare le modalità di pagamento) sono tutte ereditate da soluzione e-commerce avanzate.
Se però gli store offline vogliono colmare il gap che si sta venendo a creare con i servizi offerti dagli e-commerce, devono puntare il più possibile sulla digitalizzazione, prestando maggiore attenzione al mobile, a strategie di vendita omnichannel e a tecnologie di self service che consentano ai clienti di gestire le transazioni in autonomia, ad esempio attraverso basi interattive.

Se vuoi capire meglio come il commercio elettronico possa aiutare il tuo business a crescere e raggiungere nuovi obiettivi, non affidarti al caso ma rivolgiti ad un esperto del settore. Contattaci senza impegno per una consulenza e-commerce.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta in contatto con me. Ogni settimana invio newsletter relative al mondo Amazon, Alibaba e Marketplace in generale. Ma non solo, parlo anche di LinkedIn e di Social Selling.

Complimenti per esserti iscritto/a alla newsletter!

Pin It on Pinterest