Posizionamento-Motori-RicercaPeriodo di grandi cambiamenti in casa Google, quasi stravolgimenti epocali: quello che sembrava ormai dato per scontato a tutti gli esperti SEO e ai web marketers, oggi è messo in discussione e sembra vacillare in seguito a numerosi e importanti aggiornamenti. Sono proprio questi ultimi a fare da oggetto della recente ricerca condotta da Searchmetrics, volta ad analizzare i nuovi fattori che determinano il posizionamento organico su Google.

Lo studio, che ha analizzato 10.000 keyword, 30.000 SERP e 300.000 title, description e URL con l’obiettivo di capire la correlazione fra un determinato fattore e il posizionamento sul motore di ricerca, cade in un momento molto delicato, nel quale i recenti update di Google (Panda e Penguin) hanno contribuito a modificare profondamente l’ordine dei risultati del motore.In estrema sintesi, dallo studio è emerso che i 3 fattori che più influenzano il ranking su Google sono:

Facebook (condivisioni, commenti e like)
Numero di backlink
Tweet
Ecco qualche considerazione.
1. Epoca “Social”: niente più dell’attività social è intimamente connessa a un ranking elevato. Facebook, Google+, Twitter: sono loro i veri protagonisti del buon posizionamento sui motori di ricerca; per questo motivo ogni strategia di web marketing non può che integrare completamente i social network al proprio sito, blog, e-store e così via.
2. Stop alla pubblicità eccessiva: è quanto ha messo in luce Searchmetrics, che ha messo in luce la difficoltà a posizionarsi di alcuni siti aventi un numero troppo alto di annunci pubblicitari. I motori di ricerca non vedono di buon occhio tutto questo “spam” e l’eccessiva strumentalizzazione di siti e blog a fini meramente “commerciali”.
3. Link non solo in quantità, ma anche di qualità: se il numero di backlink, però, rimane un ottimo fattore, cresce l’importanza dell’utilizzo di àncore con dentro stop words e nofollow (cosa che confermerebbe anche la teoria di diversificare parecchio link e anchor text, evitando che “puzzino” troppo di SEO, e scongiurando in tal modo possibili penalizzazioni).
4. Crescente importanza dei brand: i brand più noti, a parità di fattori SEO, si posizionano meglio dei “non brand”. E’ consigliabile, quindi, puntare fortemente sulla creazione di un proprio marchio altamente riconoscibile.
5. Keyword nel domain name: sebbene se ne discuta, pare che i nomi dominio contenenti parole chiave al loro interno, si posizionano in alto nelle SERP di Google.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta in contatto con me. Ogni settimana invio newsletter relative al mondo Amazon, Alibaba e Marketplace in generale. Ma non solo, parlo anche di LinkedIn e di Social Selling.

Complimenti per esserti iscritto/a alla newsletter!

Pin It on Pinterest